Lappago

Energia idroelettrica
nella Valle dei Molini




 

Dalla natura per la natura

Situata nel comune di Selva dei Molini nella Valle dei Molini, una laterale della Valle di Tures, la centrale idroelettrica di Lappago viene alimentata dall’acqua raccolta nel bacino artificiale di Neves. Fiancheggiato da tre delle vette più alte delle Alpi dello Zillertal, il lago di Neves è il bacino artificiale più a nord d’Italia. Nel lago, situato a 1860 m sul livello del mare, confluisce l’acqua dei torrenti montani raccolta in un bacino imbrifero di oltre 32,5 km2.

Dal bacino artificiale, l’acqua viene convogliata attraverso una galleria in pressione lunga circa 5 km scavata nella montagna. Il percorso termina con una ripida condotta forzata che convoglia l’acqua a grande velocità fino a dentro la centrale, posta più a valle, in località Lappago di Sotto. Davanti alla centrale sorge la stazione di trasformazione, grazie alla quale l’energia prodotta viene elevata a 132 kV per poter essere così immessa nella rete elettrica nazionale ad alta tensione.

 

Con i suoi 95 metri di altezza, la diga a cupola di Neves è la più alta dell’Alto Adige. Il bacino artificiale ha una capacità di conservazione di più di 15.000.000 m3, pari a 5000 piscine olimpioniche.

Dati tecnici

Bacino imbrifero

32,5 km2

Altezza diga

95 m

Salto

591 m

Potenza installata

29,84 MW (due gruppi macchina)

Produzione annua media

73 GWh

Numero di turbine

2

Tipo di turbina

Pelton ad asse orizzontale

 

 

 

Il rinnovamento apre le porte al futuro

Nel corso di soli 18 mesi (da giugno 2011 a dicembre 2012) la centrale idroelettrica di Lappago è stata rinnovata ed adeguata agli standard tecnologici moderni in modo da garantire un esercizio più efficiente. I lavori di rinnovamento hanno riguardato principalmente la sostituzione di turbine, generatori, trasformatori e valvole rotative. Sono stati sostituiti anche le valvole a farfalla e i sistemi di automazione e controllo dell’impianto.

Durante la primavera del 2014 si sono svolti anche dei lavori presso il lago artificiale della diga di Neves, tra cui la realizzazione di un muro di protezione da frane e smottamenti. I lavori sono stati finanziati dai fondi ambientali stanziati da Alperia in quanto gestore dell’impianto.

 

Gli ammodernamenti hanno migliorato il rendimento e la sicurezza dell’impianto, con l’installazione di nuovi sistemi di controllo del flusso dell’acqua e di protezione dei macchinari.

 

 

Piani ambientali

Al fine di ridurre il più possibile gli impatti della produzione idroelettrica sull’ambiente, Alperia è impegnata a investire in 30 anni circa 400 milioni di euro in interventi di miglioramento e conservazione del paesaggio e dell’ambiente nei comuni interessati dagli impianti idroelettrici, tra cui quelli che ospitano la centrale di Lappago. 

Scopri di più sui piani ambientali >

Centrale di Bressanone

Scopri di più

Centrale di Lasa

Scopri di più

Centrali di Glorenza e Castelbello

Scopri di più