Una vasta e complessa rete di gallerie, condotte forzate e opere idrauliche attraversa oggi buona parte dei 40 chilometri di lunghezza della Val d’Ultimo. Nel breve lasso di tempo di due decenni, dal 1949 al 1969, la Val d’Ultimo si trasformò in una vera e propria “valle dell’energia”. Vennero creati sei laghi artificiali ad alimentare cinque centrali idroelettriche: si tratta delle centrali di Fontana Bianca, S. Valburga, Pracomune, S. Pancrazio e Lana, a cui nel 2014 è venuta ad aggiungersi la piccola centrale DMV di Alborelo.

La produzione annua media degli impianti ammonta a circa 390 milioni di chilowattora: vale a dire che in Val d’Ultimo viene prodotto circa l’8 percento dell’intera produzione idroelettrica altoatesina - l’energia necessaria a circa 85.000 utenze domestiche. Con una produzione di ca. 180 milioni di kWh, quello di Lana è il maggiore degli impianti, seguito da S. Pancrazio, S. Valburga e gli impianti minori di Pracomune, Fontana Bianca e Alborelo.

Dalla testata di valle in alta quota fi no al suo sbocco nella centrale di Lana, i laghi artificiali e le centrali sono allineati come una serie di cascate in modo da sfruttare la forza idrica del torrente Valsura e dei suoi affluenti, senza sprechi e nel pieno rispetto della natura. 

Centrale DMV di Alborelo

La centrale DMV (deflusso minimo vitale) di Alborelo ai piedi dell’omonimo lago artificiale è entrata in esercizio nel 2014. L'impianto consente di utilizzare il cosiddetto deflusso minimo vitale, ovvero le portate d'acqua rilasciate dalla diga per salvaguardare l'alveo dei fiumi e conservare così la naturale integrità ecologica della vita acquatica. In tal modo anche questa portata d'acqua prima di fluire nel torrente Valusra viene utilizzata per produrre energia pulita consentendo così di utilizzare in modo ancora più efficiente la risorsa idrica locale disponibile e di aumentare la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

L’impianto DMV produce circa 1,8 GWh all'anno, che corrisponde indicativamente al consumo di energia elettrica di 545 famiglie.