Alperia: Creato nel 2019 un valore aggiunto di 235 milioni di euro per l’Alto Adige

Il Consiglio di Sorveglianza Alperia S.p.A. ha approvato ieri il Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Alperia in cui il provider di servizi energetici dell’Alto Adige traccia un bilancio delle proprie attività economiche, ecologiche e sociali e definisce gli obiettivi e le misure per i prossimi anni. Il Bilancio di sostenibilità si basa sulle linee guida del Global Reporting Initiative (standard GRI) riconosciute a livello mondiale.

 

I punti salienti sono: 

  • oltre 235 milioni di euro (2018: circa 222 milioni di euro) di valore aggiunto generato per l’Alto Adige
  • oltre 104 milioni di euro (2018: circa 84 milioni di euro) in investimenti per infrastrutture e impianti
  • 71% (2018: 70%) delle reti elettriche interrate
  • 42% (2019: 33%) presenza femminile nella governance
  • 78% degli obiettivi previsti dal Piano di Sostenibilità 2017-2021 raggiunti

Fin dal primo anno, l’azienda ha definito di concerto con gli stakeholder i temi rilevanti, fissando obiettivi chiari e misurabili – fin dall’inizio sono stati definiti 15 temi che Alperia considera essenziali; questi temi sono approfonditi in modo dettagliato all’interno dei cinque ambiti di azione strategici “Territorio”, “Green Mission”, “Clienti”, “Dipendenti” e “Sviluppo & Innovazione”. Non solo: a partire dal prossimo Piano Strategico la sostenibilità diventerà sempre più centrale nel mondo Alperia tanto che gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (Sustainable Development Goals) saranno integrati nel piano industriale di ogni Business Unit.

Valore aggiunto di 1,2 miliardi di Euro in 5 anni
Nel 2019 abbiamo raggiunto il 78% degli obiettivi previsti dal Piano di Sostenibilità 2017-2021. Tra gli obiettivi principali rientrano l’aumento della quota di utili derivati dalla vendita di prodotti e servizi sostenibili, l’ampliamento della Smart Region Alto Adige, la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e la promozione della diversità e delle pari opportunità in tutte le attività, nonché la creazione di un valore aggiunto per l’Alto Adige del valore complessivo di 1,2 miliardi di euro in cinque anni. Con questa visione, Alperia ha sostenuto gli investimenti sulle infrastrutture, ammodernandole e rendendole sempre più stabili ed efficienti, continuato a supportare l’economia locale, investito in innovazione, ricerca e sviluppo, promosso una comunicazione trasparente e rafforzato il rapporto di fiducia con i clienti.

Nel 2019 è stato generato un valore aggiunto locale di oltre 235 milioni di euro raggiunto con una pluralità di azioni: attraverso il pagamento delle imposte, i canoni ambientali, con le retribuzioni e i contributi versati ai dipendenti, attraverso i dividendi per i proprietari, con donazioni e sponsorizzazioni, nonché acquistando, laddove possibile, prodotti e servizi da fornitori locali. Nel 2019, ad esempio, sono stati emesso ordini d’acquisto che per il 62% dei casi hanno riguardato fornitori residenti in Alto Adige Inoltre, Alperia ha continuato a sostenere la comunità con donazioni benefiche e a supportare come sponsor le organizzazioni altoatesine attive nei settori dello sport, della cultura, della tutela dell’ambiente e della sicurezza. Solo nel 2019, sono state destinate a donazioni e sponsorizzazioni oltre 1 milione e 700 mila euro.

Focus su Ricerca e sviluppo sostenibile
Per quanto riguarda la ricerca e lo sviluppo, Alperia ha sviluppato numerosi progetti innovativi. Inoltre sono stati selezionati i vincitori della prima edizione di Alperia Startup Factory, il contest lanciato da Alperia per favorire l’innovazione nel campo delle energie rinnovabili e della green economy. È anche già stata lanciata la seconda edizione a cui parteciperanno oltre 230 team provenienti da 37 Paesi al mondo.

L’Alto Adige è in corsa per diventare un territorio sempre più smart e green. Per farlo, sta sviluppando nuovi prodotti, come il Green Gas, nonché servizi e linee di business che aiutino i clienti a essere più efficienti energeticamente.

Nel 2019, i ricavi generati da Alperia attraverso i prodotti e i servizi sostenibili sono cresciuti dell’1,6% (quota di fatturato realizzata con prodotti e servizi sostenibili: 40%), cifra che, secondo quanto previsto dal prossimo piano industriale, sarà incrementata significativamente investendo sempre di più su green gas, green energy, teleriscaldamento, efficienza energetica e mobilità elettrica.

Più assunzioni femminili
Inoltre, Alperia sta lavorando per attirare più donne nelle professioni tecniche, per aumentare la percentuale di manager femminile e per analizzare e ridurre le differenze salariali. Nel 2019, la presenza femminile nella governance dell’azienda è significativamente aumentata, passando dal 33% al 42%. Non solo: nel corso dell’anno c’era il 62% di assunzioni femminili in più rispetto al 2018.

Alperia sostiene Piano clima 2050
Alperia sostiene il Piano Clima 2050 della Provincia Autonoma di Bolzano riducendo le proprie emissioni di gas a effetto serra e compensandole con progetti dedicati. Nel corso del 2019 abbiamo inoltre continuato a estendere la rete di teleriscaldamento a Bolzano e a Merano e abbiamo collegato al teleriscaldamento anche la nostra prima società: Edyna. Così stiamo investendo in una forma di calore ecologico che consente di ridurre ulteriormente il consumo di fonti energetiche fossili e le emissioni di CO2.Con l’obiettivo di ridurre le emissioni legate alla mobilità, l’azienda altoatesina sta lavorando per rendere green in tre anni il 50% del parco veicoli elettrificabile e già oggi dispone di oltre 100 veicoli elettrici o ibridi.

Consiglio di Sorveglianza approva proposta sulla distribuzione dei dividendi
Il Consiglio di Sorveglianza di Alperia S.p.A. ha approvato inoltre in data 11 maggio 2020 il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2019 della Società e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2019 del Gruppo Alperia, come predisposti ed approvati dal Consiglio di Gestione della Società in data 16 aprile 2020.

In tale occasione, il Consiglio di Sorveglianza, a fronte di un utile netto di Alperia S.p.A. pari a circa 27,6 milioni di euro, ha altresì approvato la proposta del Consiglio di Gestione in merito alla destinazione dell’utile dell’esercizio 2019 della Società e, quindi, di sottoporre all’Assemblea degli azionisti la distribuzione ai soci di un importo pari a 26,0 milioni di euro a titolo di dividendi, l’accantonamento di circa 1,4 milioni di euro a riserva legale e il riporto a nuovo dei restanti circa 0,2 milioni di euro.


Il Presidente del Consiglio di Sorveglianza Mauro Marchi commenta in risultati del Bilancio di Sostenibilità:
I principi ispiratori delle nostre attività sono da sempre orientati ad una visione sostenibile e attenta al territorio di competenza. Le ricadute sociali ed economiche del nostro agire quotidiano sono una componente fondamentale nella definizione del Piano industriale e nella programmazione delle attività. L’approvazione del Bilancio di Sostenibilità 2019 avviene in un momento straordinario della nostra storia. L’emergenza sanitaria di queste settimane comporterà ricadute sugli operatori economici e i cittadini della nostra terra ed il Gruppo Alperia ha già adottato delle strategie orientate a sostenere il difficile momento e non farà mancare la propria presenza concreta anche nel prossimo futuro.

Il Vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza Wolfram Sparber dichiara:
Le attività principali del Gruppo Alperia da sempre sono incentrate nel settore dell’energia rinnovabile e di servizi a basse emissioni. Con i 235 milioni di valore aggiunto riportate nel presente bilancio di sostenibilità Alperia sottolinea inoltre come anche nel 2019 ha potuto dare un contributo importante economico e sociale per il proprio territorio. Alperia ha investito nel 2019 oltre 50 milioni nelle proprie centrali idroelettriche e nella rete elettrica. I due settori principali di emissioni di CO2 in Alto Adige attualmente sono il settore del trasporto e il settore termico (principalmente riscaldamento di edifici). Attraverso servizi come l’elettromobilità (Neogy), il teleriscaldamento (Alperia Ecoplus) e servizi di efficienza energetica (Alperia Bartucci e GGP) il Gruppo potrà dare nei prossimi anni dei contributi importanti per raggiungere gli obiettivi del piano clima della provincia.

 

 

Mauro Marchi, Presidente del Consiglio di Sorveglianza